Categorie
Articoli

Top 10 Enterprise Database per il 2015 – parte 1

I database esistono oramai da tantissimi anni. Probabilmente nessuno sa, o ricorda, che le radici affondano nel lontano 1970. Si tratta dunque di una struttura informatica tra le più mature del settore IT. Nel corso degli anni sono state tantissime le aziende che hanno proposto soluzioni differenti per le basi di dati, offrendo il servizio gratuitamente o a pagamento, con un prezzo in grado di variare in quest’ultimo caso da poche decine fino a migliaia di dollari. Ancora oggi il mercato dei database offre numerose soluzioni, ognuna con i propri punti di forza e debolezza.

Categorie
News

Maggiori prestazioni per il servizio database SQL cloud di Google

I database giocano un ruolo fondamentale sulla velocità totale delle applicazioni e sull’user experience. Le letture e le scritture dovrebbero essere eseguite istantaneamente anche quando la base di utenti cresce e magari cominciare ad avere un numero cospicuo di utenti, avendo esigenza di usare database più veloci e più grandi. Google App Engine è progettato per […]

Categorie
News

Tumblr presenta JetPants, un toolkit per gestire grandi database MySQL

Jetpants è un toolkit di automazione creato da Tumblr per gestire topologie di database MySQL molto grandi, e più in generale di gestione della struttura di un database. Questo strumento, scaricabile tramite repository di GitHub, si occupa di comuni task operazionali quali clonazione di slave, bilanciamento di shard, esecuzione di promozioni di master. Tra le funzionalità esibisce […]

Categorie
News

MySQL 5.6, le scelte prese per renderlo più scalabile

La scorsa settimana durante l’evento MySQL Connect è stata presentata la nuova versione del popolare RDBMS, ovvero MySQL 5.6. Rispetto alla versione 5.5 sono stati applicati una serie di miglioramenti, molti dei quali volti a migliorare la scalabilità del database, ovvero: 1) Scissione del mutex (mutua esclusione) del Kernel di InnoB in diversi nuovi mutex; 2) la […]

Categorie
News

Twitter investe nell’open source: un modello da imitare

Anche Twitter ha deciso di dare il suo contributo all’open source. L’open source consente di condividere il proprio lavoro e mostrare a tutti in che modo è stato realizzato, condividendone i file sorgente, permettendone successivamente la modifica e le varie migliorie. Stavolta è il turno di Twitter, che ha deciso di rendere open source il […]