Categorie
Articoli Uncategorized

Quel che non capiamo della cloud di Google

La scorsa settimana l’annuncio della nuova piattaforma di Cloud Computing di Google. Il settore inizia ad affollarsi, in tutti i paesi i grandi provider lanciano una propria soluzione per fare cloud, ma nel mondo il numero 1 fino ad oggi è comunque Amazon, la sola compagnia che sia riuscita a imporre con la sua piattaforma una sorta di standard. Noi, come moltissime altre proprietà online, abbiamo analizzato i costi e le modalità di utilizzo di Google Compute Engine. Ci è sfuggito un aspetto importante: le performance e il network di Google.

Chiunque abbia mai usato Amazon EC2 sa che EBS (Elastic Block Storage), il sistema di storage che viene fornito per salvare i dati, è sicuramente il peggiore componente che viene reso disponibile dalla compagnia nella sua offerta, con problemi di I/O basso, in passato è stato causa anche di problemi rilevanti per questo servizio. Google potrebbe iniziare a fronteggiare Amazon proprio dal servizio di storage incluso: lo storage persistente di Google ha un costo di 10 centesimi di dollari per GB al mese, ma la sua peculiarità potrebbe essere il fatto che i dati vengono resi accessibili come fossero in locale, dice Google, pur essendo distribuiti teoricamente anche su più data center. Questo vorrebbe dire che Google è in grado di mettere in rete il nostro HD virtuale, del nostro cloud server, e farci recuperare i dati anche da data center diversi, dove i nostri dati sono stati replicati. Non è fantascienza, nè si tratta di qualcosa di impossibile per Google, che è già abituata a muovere anche workload all’interno dei propri data center, dove risulta più conveniente elaborarli.

Per i cloud server lo storage è ovviamente molto importante, Google conta di fornirlo su tre opzioni, da quello di massima efficienza, che come detto sarà persistente e allocato anche su più data center, a quello del Google Cloud Storage, che invece dovrebbe privilegiare il costo a fronte delle performance e dovrebbe essere la risposta ad S3.

Dal mio punto di vista Google ha inoltre un vantaggio chiamato “network”: indiscutibile il fatto che la rete di Google sia una delle più estese al mondo, per non parlare del numero di data center che è sicuramente superiore ad Amazon in questo momento. Se la compagnia decidesse di rendere possibile la creazione di nuovi server in un numero elevato di data center nel mondo, è evidente che solamente questo aspetto metterebbe Amazon in difficoltà. Se noi italiani avessimo un data center romano o milanese dove poter fare deploy delle istanze Google questo significherebbe escludere AWS: potrebbe non essere così semplice da realizzare inizialmente, ma a lungo termine Google non avrebbe difficoltà a ricavare parte dello spazio utilizzato nei suoi data center globali per l’attività di computing.

Amazon e Google: la stessa ragione per fare cloud

Come Amazon decise tempo fa di iniziare a lavorare nel mondo del cloud computing per via della sua esperienza nella gestione di Amazon.com e di database e dati distribuiti, così Google fa lo stesso. Quella della compagnia è già una infrastruttura cloud, e in tal senso andare a offrire la possibilità di creare macchine virtuali è solamente una apertura al pubblico di un servizio e una piattaforma già esistenti; Google, come viene ribadito anche nei docs tecnici, ha già tutta l’esperienza necessaria per parlare di scalabilità, perchè è tra le poche al mondo che deve realmente scalare su migliaia di macchine in tempo reale. Questo vantaggio la accomuna ad Amazon, e potrebbe essere un ulteriore elemento per far si che Amazon inizi a temerne la concorrenza.

A livello di latenza di rete e performance, credo che Google potrà dire molto, soprattutto considerando che la banda non è un problema per la compagnia, e può averne a disposizione una quantità maggiore rispetto alla concorrenza. Ma non c’è da sottovalutare il rapporto con i clienti: Google non ha alcuna esperienza nell’assistenza erogati a piccoli clienti, e non è qualcosa che si impara leggendo, ma sul campo. Questo potrebbe essere un problema.

цена контекстная реклама

магазин повышение продажэ

siteвклады банка уралсиб в спбскачать net framework 3 5webmoney взлом денегкредитная карта по паспорту новосибирскkumarhane oyunlarislot o pol deluxeдам деньги в долг под расписку днепропетровсксрочно нужны деньги абаканденьги в долг гомельмикрозаймы в спб с доставкой на домвосхождение на килиманджаро 30 04альтеза туроператорtranslatorsдетская посуда спбавтобусный путевка в болгарию из днепропетровскакупить биолэлектрический полотенцесушитель интернет магазинстроим дома под ключбиорезонансная терапия киевдикий звери африкипродвижение через интернеткувалда купитьстоимость gopro hero 3поход туристический

Lascia un commento