Categorie
Guide

Prevenire gli incendi nei data center

La soluzione ideale per questi ambienti deve soddisfare tre condizioni: rivelare la presenza di un incendio, comunicarla alle persone presenti e agli addetti allo spegnimento ed infine contenere le fiamme, fino alla possibile estinzione. Senza dubbio, prima di scegliere una metodologia di rivelamento ed estinzione, i progettisti devono effettuare una valutazione dei potenziali rischi, della struttura dei locali e di criticità specifiche. “Il data center ha pavimenti flottanti o soffitti alti? Quale personale avrà accesso all’area? Esistono elementi che in qualche modo disturbano i rivelatori o renderebbero l’azione estinguente poco efficace per assenza di compartimentazione?”. Occorre rispondere a queste, come ad altre domande, prima di optare per la soluzione più appropriata. In un data center – come del resto in ogni altro sistema di fondamentale importanza per un’azienda – la protezione contro gli incendi deve essere, infine, ridondante e fault tolerant, per aumentare la disponibilità generale dello stesso.

Se si verifica un principio di incendio il primo passo è la sua pronta rivelazione. Prima dell’introduzione dei sistemi di allarme incendio automatici, c’erano dei guardiani responsabili dell’individuazione degli incendi e della messa in allerta. Attualmente esistono, invece, numerosi rivelatori avanzati che possono individuare l’incendio nella sua fase incipiente ed inviare la notifica ad una centralina, la quale avvisa il personale responsabile e attiva eventualmente i sistemi di estinzione.

I primi sistemi di spegnimento erano molto rudimentali ed erano spesso rappresentati da valvole d’acqua legate ad una corda con un peso fissato ad una estremità. Fortunatamente, grazie all’avvento della tecnologia, i sistemi anti-incendio attuali hanno fatto passi da gigante. Oggi esistono infatti molti modi per rivelare ed estinguere gli incendi, tuttavia solo alcuni sono raccomandati per ambienti data center, dove l’obiettivo principale è quello di estinguere le fiamme nel più breve tempo possibile, senza nuocere alle operazioni di business e minacciare l’integrità del personale operante all’interno della struttura.

Senza dubbio, una soluzione di pura prevenzione incendi offre, a tal fine, una maggiore protezione contro gli incendi rispetto ad ogni tipo di apparato di rivelazione o spegnimento disponibile sul mercato. Per spiegarne il funzionamento in termini semplici, è sufficiente considerare il fatto che se un ambiente non può produrre fuoco, viene praticamente azzerato il rischio di danni derivanti da incendi. Questi ultimi sono legati non solo allo svolgimento dell’evento con il relativo danneggiamento diretto delle apparecchiature fino alla distruzione dell’edificio stesso, ma anche ai danni indiretti derivanti dalla corrosione dei circuiti elettronici innescata dalla presenza di fumo.

Lascia un commento