Categorie
Guide

L’idea di networking dietro ad OpenFlow, Prima Parte

Una network di computer è un ecosistema che ha trovato la sua evoluzione tramite il progredire dei propri singoli elementi costitutivi, quali router, load balancer, NAT, o firewall. Il software defined networking propone di rovesciare questa visione della rete, trasformando l’intera network in una piattaforma e gli elementi individuali in entità programmabili. Le app eseguite sulla piattaforma di rete possono ottimizzare i flussi di traffico scegliendo il percorso più breve, esattamente come fanno gli attuali protocolli distribuiti, ma possono anche ottimizzare la network per massimizzare l’utilizzo dei link, creare differenti domini di raggiungibilità per diversi utenti, o rendere immediata la mobilità dei dispositivi. OpenFlow, uno standard aperto che permette il software defined networking nelle network IP, è una nuova tecnologia di rete che renderà possibili nuove applicazioni e modi di gestione delle reti.

Vogliamo in questo articolo parlarvi di quali sarebbero i frutti di questa nuova tecnologia.

(la parola router utilizzata in questo articolo indicherà indifferentemente sia router che switch per comodità)

La gestione della banda

Una WAN viene tipicamente utilizzata con un tasso del 30% d’uso, deve quindi riservare della banda che andrà poi sprecata. Usando OpenFlow però è stato sviluppato un sistema in cui i sistemi di applicazione interni che hanno bisogno del trasferimento di grandi quantità di dati possono usare la banda disponibile non utilizzata. Usi tipici di questo genere includono la replicazione quotidiana di set di dati, i backup di database, e la trasmissioni di log. I consumatori registrano la sorgente, la destinazione e la quantità di dati da essere trasferiti con un servizio centrale. Il servizio effettua vari calcoli ed invia i risultati ai router in modo che sappiano come direzionare questi dati nel momento in cui i link sono inutilizzati. La comunicazione tra le applicazioni ed il servizio centrale sono bidirezionali: le applicazioni informano il servizio delle loro necessità, il servizio replica quando la banda è disponibile, e l’applicazione informa il servizio quando ha finito. Nel frattempo i router alimentano informazioni di utilizzo in tempo reale al servizio centrale. Di conseguenza la network arriva a totalizzare un 90-95 per cento di utilizzo. Il confronto è tra pagare tre volte tanto il CAPEX ed OPEX per la stessa capacità di rete.

Una rete di tenant singoli

Una grande compagnia di hosting di VM deve di solito affrontare un grosso problema: il suo servizio è tenantizzato, nel senso che ogni utente è isolato dagli altri. Quando una VM migra da un host fisico ad un altro i segmenti VLAN devono essere riconfigurati,. All’interno della macchina fisica c’è una network emulata tramite software che connette le macchine virtuali. C’è deve essere un’attenta coordinazione tra le VLAN fisiche ed il mondo dell’emulazione software. Il problema è che le connessioni possono essere non correttamente configurate a causa di un errore umano, ed i confini tra i diversi tenant diventare confusi. OpenFlow permette di utilizzare nuove funzionalità da essere aggiunte al sistema di gestione VM in modo che questo comunichi con l’infrastruttura della network quando delle macchine fisiche e virtuali vengono aggiunte o modificate. La presenza di questa applicazione assicura che ogni tenant sia isolato dagli altri, a prescindere da come migrano le VM o dove sono posizionate le macchine fisiche.

L’esempio di un Game Server

Questo esempio è basato sul best demo award del SIGCOMM (Special Interest Group on Data Communications) del 2008.

Alcuni studenti universitari configurano un server di Quake eseguito su un laptop per dare il via ad una competizione. La latenza in questo caso è importante per motivi di prontezza nel videogioco e di imparzialità tra i giocatori. Nell’esempio citato il PC utilizzato come server ha delle prestazioni basse. Durante la competizione qualcuno prende il laptop e lo stacca dal cavo Ethernet, trasferendo la trasmissione al WiFi. La persona poi trasporta il laptop in un bar vicino e ritorna un’ora più tardi. Durante questo percorso il laptop cambia IP quattro volte, e la banda varia da 100 Mbps su Ethernet via cavo a 11 Mbps su una connessione 802.11b nell’edificio universitario degli studenti, a 54 Mbps sulla connessione 802.11g del bar. Nonostante tutto ciò la competizione di Quake continua senza alcuna interruzione. Usando OpenFlow gli studenti universitari hanno scritto un’applicazione in modo che non conti a quale subnet il portatile è stato spostato, perché il suo indirizzo IP non cambierà. Anche in caso congestione della rete, il traffico relativo al game server riceverà un’alta priorità. I router tenteranno di rifiutare altro traffico prima di aver esaudito le richieste del game server, assicurando quindi la buona continuazione della competizione.

Lascia un commento