Google Cloud aumenta i servizi big data

A conferma del potenziamento dei servizi big data, Google ha annunciato il lancio nella versione beta di Cloud DataFlow. Novità anche per altri servizi cloud

Google Cloud aumenta i servizi big data

Google punta sempre più su servizi big data.  A tal proposito qualche giorno fa ha annunciato una serie di aggiornamenti apportati alla piattaforma cloud. Ma a sottolineare ancor più la decisione di rafforzare i servizi e ampliare il proprio portfolio , è il lancio della versione beta di Google Cloud Dataflow.

Circa un annetto fa, sulle pagine di Hosting Talk, vi avevamo preannunciato la decisione di Google di abbandonare il sistema di analisi dei big data, MapReduce, in favore di Google Cloud Data Flow, con lo scopo di poter gestire anche diversi petabyte di dati, utilizzando un sistema molto più veloce e scalabile.

Google Cloud Dataflow è un servizio basato su Java che consente agli utenti di costruire, implementare ed eseguire complesse elaborazioni di big data che riguardano ad esempio processi ETL (ossia processi di estrazione, trasformazione e caricamento di dati in un sistema di sintesi), processi di analisi, processi di calcolo in tempo reale, e così via, astraendo al contempo tutte le altre infrastrutture che riguardano ad esempio la gestione dei cluster. Questo servizio, per ora rilasciato in versione beta, è già integrato con gli strumenti di monitoraggio di Google.

Google e la sua attenzione per i big data

Gli utenti di Google Cloud, grazie a questa ulteriore integrazione, potranno utilizzare differenti strumenti cloud per la gestione del proprio business a 360 gradi. In un recente post pubblicato sul proprio blog, Google ha confermato che da circa un decennio l’azienda sta affrontando diverse problematiche che riguardano i big data e la società è consapevole della differenza che ancora persiste rispetto alla potenza e alla velocità dei sistemi che gestiscono dati semplici. È per questa ragione che Google ha scelto di trasformare la   propria esperienza di MapReduce e FlumeJava  in un unico prodotto quale Google Cloud Dataflow.

Come si legge ancora nelle pagine del blog, Google Cloud Dataflow è stato progettato non soltanto per ridurre i costi ma anche per potenziare lo strumento di analisi dei big data, al fine di facilitare il lavoro dei clienti, siano essi programmatori, sviluppatori di software o manager IT. Insieme ad altri servizi big data, Google Cloud Dataflow incarna il tipo di servizio ideale e altamente produttivo per la gestione e l’impiego dei big data nel cloud.

La società ha annunciato anche di aver intrapreso delle collaborazioni con i maggiori contributor open source per migliorare l’ecosistema Cloud Dataflow. Ad esempio, ha recentemente annunciato collaborazioni con Dara artisans per il supporto su Apache Flink e Cloudera per il supporto runtime su Apache Spark.

Google, oltre ad aver lanciato la versione beta di Cloud Dataflow, ha anche annunciato l’aggiunta di una serie di funzioni di sicurezza che riguardano Big Query, il servizio SQL cloud della società statunitense. Tra le novità apportate l’aggiunta dei permessi a livello di riga per la protezione dei dati e l’innalzamento del limite di assunzione di 100.000 righe al secondo. Big Query, inoltre, è stato resto disponibile anche in Europa.читать чужие сообщения вконтакте программатинькофф кредитная карта доставкаbedava casino slot makinalar?beetle maniaкредитка универсальная приватбанк отзывыальфа банк кредитная карта изменения условийбыстрый кредит на карту visaвосхождение на килиманджаро киевмай¤ми тур стоимость путевкиотдых в мае греци¤ погодапродвижение бренда средствами prпосуда с антипригарным покрытиемпомощь при рождении ребенка документыpropose paintingспособы продвижения сайтовконвектор электрическийкак раскрутить сайт самостоятельностроить каркасный дом форумутрата паспорта украинаsun protector for car windowsмаленькая видеокамера hdour website