CloudUp, un altro provider italiano di servizi cloud, offerto da Enter

Cloudup è il nuovo servizio cloud di Infrastructure-as-a-service offerto da Enter, provider milanese con 15 anni di esperienza

Si aggiunge un nuovo fornitore tra i vari provider che costituiscono l’offerta cloud nazionale,  Cloudup è il nuovo servizio cloud di Infrastructure-as-a-service offerto da Enter, provider milanese con 15 anni di esperienza, pensato espressamente per le aziende e gli sviluppatori che intendano operare con la massima flessibilità per quanto riguarda la gestione di CPU, ram e storage, con un sensibile risparmio sugli investimenti IT.

Grazie a Cloudup è possibile usufruire di un servizio on demand, a consumo, completamente scalabile, con la possibilità di configurare e acquistare uno o più server. Diventa così possibile un controllo accurato dei server utilizzati per le attività, allocando solo le risorse strettamente necessarie per un tempo stabilito. I modelli tariffari on demand stabiliti dalla compagnia si suddividono in pagamento mensile, giornaliero, orario, o al minuto.

L’offerta di CloudUp può funzionare con VMWare, Xen, KVM, Hyper-V, QEMU etc, ed è dunque libera dai vincoli che i vendor impongono nella scelta di una piattaforma. La compagnia dichiara inoltre di aver scelto XenServer come piattaforma di virtualizzazione, ma di aver svolto test con successo anche su altre piattaforme (VMWare, KVM).

Cloudup mette a disposizione dei clienti un servizio di API che rendono accessibili ad applicazioni di terze parti l’utilizzo dei servizi, secondo gli standard più diffusi al momento (Amazon EC2 o S3), cercando di evitare il cosiddetto vendor lock-in, in linea con le ultime scelte di mercato che tentano di sfruttare la leadership di mercato costituita da Amazon Web Services.

Le istanze disponibili sono Windows e Linux, ognuna con possibilità di allocare CPU, Storage e RAM. Un’istanza minima allocabile in Linux è costituita da una CPU, 10 GB di Storage ed un GB di RAM, che vengono a costare 30,89 € al mese e 0,0429 € all’ora, mentre lo storage in particolare ha un costo orario di 0,00042 € per GB (0,00048 € con risorse Windows). Considerando che il servizio si appoggia ad un data center situato a Milano Caldera di 400 mq, la compagnia riesce comunque a mantenere dei prezzi competitivi, anche se ovviamente non all’altezza di leader quali Aruba, che ha prezzi di 0,0003 € per GB all’ora e che per la stessa istanza Linux precedentemente citata fa pagare mensilmente 19,440 €. Ovviamente al di là del costo bisogna anche verificare l’affidabilità e la continuità del servizio, e la qualità dell’assistenza tecnica, tutte caratteristiche che possono potenzialmente privilegiare un fornitore piccolo rispetto ad uno grande.

CloudUp assicura una SLA col 99,9 % di uptime ed un’assistenza ad personam che risponde a qualsiasi esigenza del cliente. Il servizio è attualmente in fase beta, ed è disponibile la prova di una settimana gratuita del servizio.

Visualizza il comunicato stampa di CloudUp in PDF

копирайтерон лайн консультантvkbot pro скачать бесплатноwebmoney взлом денегоформление кредитки онлайн7 sultans casinobedava casino slot oyunuкредитная карта оформлениепарки африки altezza travelкилиманджаро мачаметуры сафари в африкутанзани¤ тур ценатур май 2015picnic caricaturesпутевки австрия ждхарьков испанияоптимизация сайта бесплатнотехнологии продвижениясколько стоит построить дом из сип панелейпродвижение молодого сайтаsexe accessoirefree grammar check websitescar seat covers reviews ukLIQUID IMAGE В Москвекосметика парфюмерия

Facci sapere cosa ne pensi!