Categorie
News

Oracle lancia la sfida a Cisco: prezzi hardware più bassi

Le battaglie di Oracle non si combattono solo sui ring delle piattaforme software, ma anche sui campi delle proposte hardware, dove l’azienda dell’ex-CEO Ellison si trova a fronteggiare concorrenti temibili come Cisco ed EMC, uniti nella joint-venture VCE. Ellison sposta però l’oggetto del contendere dalle prestazioni al prezzo, abbassando i listini dei kit server a due socket

Categorie
Articoli

Le scomode verità su MongoDB e le reali alternative

Non sempre il mondo NoSQL risulta la scelta giusta per le proprie esigenze e alcune piattaforme potrebbero rivelarsi meno utili di quanto si creda e poco consone all’architettura applicativa di cui si dispone. MongoDB potrebbe essere uno dei tanti esempi in cui decidere di percorrere la direzione NoSQL non sembra la scelta giusta. Ecco perché

Categorie
News

Google Dataflow su Spark, anche con l’aiuto di Cloudera

L’azienda di Hadoop, Cloudera, ha lavorato gomito a gomito con Google per consentire al modello di programmazione Dataflow di girare anche su Apache Spark e i risultati non si sono attardati a farsi vedere

Categorie
Articoli

Analisi dati, prime impressioni d’uso su IBM Watson Analytics

Può l’analisi dati diventare una pratica alla portata di tutti, anche dei migliori esperti marketing che hanno forti carenze informatiche? Secondo IBM la risposta è affermativa e a dimostrarne l’assoluta convizione in questo senso è Watson Analytics, la piattaforma di analisi dati cloud-based che poco tempo fa ha visto la luce e che segna la via verso un cognitive computing disponibile a chiunque. Ecco le impressioni di chi ha provato la piattaforma

Categorie
News

Da Canonical arriva Snappy Ubuntu Core per i cloud server

Canonical rilascia la beta di Snappy Ubuntu Core, una versione di Ubuntu Linux minimale e leggera, che in poco più di 100 MB di immagine racchiude tutti gli strumenti necessari per avviare e gestire un cloud server su Microsoft Azure, Google Cloud e Amazon AWS

Categorie
Articoli

NoSQL fra storia e futuro dei database aziendali

Nonostante oggi si parli con disinvoltura dei database NoSQL, non bisogna certo dimenticarsi che fino a pochi anni fa si discuteva su come ottimizzare le strutture bidimensionali dei database relazionali (RDBMs). Visti all’inizio come alternative ai database relazionali, con il boom di Internet, dei giganti della ricerca Web e dei social network, i database NoSQL sono diventati componenti critici di molte architetture dati e per quanto non abbiano ancora soppiantato i database relazionali (e forse mai li soppianteranno), si sono comunque guadagnate le proprie quote di mercato, imponendosi come soluzioni idealie in molti casi d’uso in cui i database relazionali sarebbero stati limitativi

Categorie
News

Microsoft IIS dietro Apache, il web server più popolare

Un breve momento di gloria, così potrebbe essere definito quello vissuto da Microsoft IIS l’anno scorso, quando il web server di Redmond aveva superato il più popolare Apache, surclassando anche il nascente nginx. Netcraft conferma la fine del sorpasso e il ripristinarsi di una condizione di normale tradizionalità, dove Apache riconquista il primo posto fra i web server più diffusi

Categorie
Articoli

Desktop virtuali, cosa significa VDI e DaaS

Molte PMI e diverse enterprise stanno traghettando le necessità computazionali personali dei dipendenti e dei collaboratori verso interfacce desktop virtuali che consentono di gestire i computer del personale aziendale, garantendo maggiore flessibilità, maggiore mobilità e meno hardware e manutenzione. Alla base dei desktop virtuali, esistono due tecnologie principali, spesso citate con gli acronimi di VDI (Virtual Desktop Infrastructure) e DaaS (Desktop as a Service). Capire la differenza fra le due tipologie di piattaforme, significa sapersi orientare verso la soluzione di desktop virtuali più adatta alle esigenze business dell’azienda

Categorie
News

Google traccia Amazon con un servizio di monitoraggio cloud

La lotta fra Google e Amazon non sembra avere sosta e in un periodo di grande fervore per tutte le tecnologie cloud, Mountain View decide di rilasciare la funzionalità Google Cloud Monitoring per la sua piattaforma cloud, capace di offrire quella visibilità che gli amministratori IT richiedono a livello applicativo e infrastrutturale