Puppet Enterprise 3.8 introduce il supporto per Docker e AWS

Nel nuova versione 3.8, Puppet Enterprise ha introdotto dei nuovi moduli per il supporto ai container Docker, ad Amazon AWS e alla tecnologia bare metal

Puppet Enterprice 3.8 introduce il supporto per Docker e AWS

Puppet Labs, la società leader nel settore dei software per l’automazione, ha annunciato circa un mese fa la nuova versione Puppet Enterprice 3.8, con importanti aggiornamenti che riguardano Puppet Node Manager e l’introduzione dei nuovi Puppet App e Puppet Code Manager. Grazie a queste novità Puppet ha iniziato a fornire ufficialmente funzionalità di provisioning per i container Docker, l’infrastruttura AWS e il bare metal.

Nigel Kersten, CIO di Puppet Labs, ha affermato che “le aziende stanno adottando sempre più strumenti e pratiche DevOps avendo la necessità di offrire servizi nuovi, affidabili e piuttosto veloci. Con l’aggiunta del supporto per Docker, AWS e bare metal, Puppet Enterprice 3.8 è in grado di rendere più veloce e più facile da utilizzare qualsiasi infrastruttura tecnologica”.  L’obiettivo di Puppet è quello di eliminare la complessità che generalmente è associata al provisioning e alla gestione delle infrastrutture in un ambiente eterogeneo.

Puppet supporta i container Docker

La prima grande novità introdotta in Puppet Enterprice è il supporto ai contenitori. La versione 3.8 introduce infatti un modulo che permette di gestire la piattaforma Docker e eseguire contenitori in infrastrutture Puppet-managed.

I team di sviluppo che utilizzano i container per semplificare l’implementazione delle applicazioni, grazie a questa nuova funzionalità non soltanto possono gestire i contenitori, ma possono anche evitare problemi di configurazione con il demone Docker.

L’obiettivo di Puppet è quello di far sì che i team spendano meno tempo nel risolvere i problemi di configurazione e più tempo per lo sviluppo e la distribuzione di applicazioni migliori.

Supporto anche per AWS e bare metal

Nella nuova versione Enterprise, Puppet ha anche aggiunto un modulo per il supporto ad Amazon AWS che consente di configurare e gestire risorse AWS in modo semplice e ripetibile. In particolare il modulo supporta i servizi: EC2, Virtual Private Cloud (VPC), Elastic Load Balancing, Auto Scaling, Security Groups e Route53.

Ora gli utenti, per mezzo di una semplice interfaccia, potranno utilizzare Puppet Enterprise per avviare istanze AWS e gestire i software che sono eseguiti su di esse.

Altra importante novità riguarda Razor, che da tecnologia in anteprima su Puppet Enterprice diventa completamente disponibile. Razor include la possibilità di rilevare in maniera automatica l’hardware bare metal, configurare dinamicamente l’OS e/o gli hypervisors e trasferire le risorse a Puppet Enterprise tramite automazione policy-based. Tutto ciò significa una notevole riduzione nei tempi di consegna per il provisioning e la configurazione di una nuova macchina e consente agli utenti di eseguire due operazioni senza alcun intervento manuale.

Attualmente è possibile provare gratuitamente la nuova versione di Puppet Enterprise su un massimo di 10 nodi a questo link.деньги в долг 10000 рублейвзять деньги в долг на карту сбербанкаподъем на килиманджаро мачамекилиманджаро тур танзани¤отдых в россии май 2015отдых в танзании отзывы стоимостьpicnic caricaturistуголовная ответственность несовершеннолетних в украинесковорода с керамическим покрытием ценаtranslate from russian to arabicповышение узнаваемости брендаосб панельсимптомы заболевания щитовидной железы у детейtough case for macbook air 11spealing checkkia б у куплюсколько стоит контекстная реклама про спортbanc de binary registration