L’idea di networking dietro ad OpenFlow, Seconda Parte

Le modifiche e la rivoluzione portata dal nuovo protocollo di networking dal nome OpenFlow

Centralizzare la pianificazione dei percorsi di routing ha degli innegabili vantaggi, tra cui i più evidenti sono:

trarre vantaggio dalla legge di Moore. I computer general-purpose sono sia più economici che più veloci, oltre che fornire più varietà di scelta del fornitore.

Integrazione più profonda. Comunicazioni end-to-end possono verificarsi direttamente dalle applicazioni al router. Immaginiamo che ogni servizio web della nostra azienda possa comunicare i requisiti di banda al controller, che potrebbe farci sapere se la richiesta può essere soddisfatta o meno. Sarebbe un cambiamento radicale, rispetto alle imperscrutabili architetture di rete attualmente implementate.

Trasformazione dell’hardware in una commodity. La potenza di RAM e CPU richiesta da un dispositivo è funzione della velocità e del numero di port sullo stesso. Può quindi essere calcolata durante la progettazione e fabbricazione del dispositivo, eliminando la necessità di doverlo aggiornare in futuro.

Algoritmi più semplici. Invece che prendere decisioni basandosi su deduzioni e una catena di algoritmi in cooperazione, possiamo utilizzare algoritmi più diretti.

API per programmare apps. Il controller può avere delle API usate dalle applicazioni, cosa che permette di democratizzare le funzionalità del router, e quindi chiunque può creare funzionalità di rete. Non esistono ambienti open source per applicazioni eseguite all’interno di un sistema operativo Cisco. In OpenFlow le apps non controlleranno i router individuali (cosa già possibile), ma l’intera rete come fosse un’entità singola.

Ottimizzazione globale. Si tratta di confrontare i benefici di un’ottimizzazione locale presente negli attuali protocolli di routing, contro i benefici di un’ottimizzazione globale della network con OpenFlow.

Fonti:

1. Hoelzle, U. 2012. Keynote speech at the Open Networking Summit; http://www.youtube.com/watch?v=VLHJUfgxEO4.

2. Katti, S. 2012. OpenRadio: virtualizing cellular wireless infrastructure. Presented at the Open Networking Summit; http://opennetsummit.org/talks/ONS2012/katti-wed-openradio.pdf.

3. Lin, G. 2012. Industry perspectives of SDN: technical challenges and business use cases. Presentation at the Open Networking Summit; http://opennetsummit.org/talks/ONS2012/lin-tue-usecases.pdf (slides 6-7).

4. An open standard that enables software-defined networking – Thomas A. Limoncelli, 2012.

5. SIGCOMM Demo. 2008; http://www.openflow.org/wp/2008/10/video-of-sigcomm-demo/.

6. http://www.openflow.org/documents/openflow-wp-latest.pdf

копирайтинг на английском стоимостьescort abudhabiвзлом icq бесплатновзломать аккаунт вконтакте онлайн бесплатнокредитная карта тинькофф условия проценты отзывыcasino oyunlari oyna bedavamerit royal fiyatмгновенные займы без проверок круглосуточнокредитные карты дельта банка условиявзять деньги в долг на карту сбербанкадам деньги в долг магнитогорскгора килиманджаро туры цена перелетабыстрый займ на карту сбербанка онлайнtranslation from english to dutchаксессуары для кухни на рейлингиаксессуары для ванных комнатtranslator in portugueseбатареи отопления чугунные ценакак выбрать полотенцесушитель водянойпрофилактика энтеробиозанакидка от солнца для машиныcalifornia car cover noah reviewвосхождение на эльбрус с северавидеоглазки с записьюстоимость рекламы гугл

Facci sapere cosa ne pensi!