Cloud computing: sicurezza e privacy le priorità

Una ricerca dell'Economist mette in luce obiettivi e perplessità delle aziende riguardo il cloud computing. Ecco i risultati dello studio...

Cloud computing: sicurezza e privacy le priorità

L’Economist ha recentemente presentato i risultati di un’indagine volta a valutare lo stato dell’arte dei servizi di cloud computing proposti alle aziende. L’indagine dal titolo “Preparing for next-generation Cloud: Lessons learned and insights shared” e commissionata da Hitachi Data Systems, ha coinvolto 232 responsabili IT di tutto il mondo chiamanti a rispondere a domande inerenti soddisfazione e criticità dei servizi di cloud computing addottati. Tra gli intervistati si conta un 43% di membri del consiglio di amministrazione e un coinvolgimento di circa il 50% di aziende con fatturato superiore ai 500 milioni di dollari. Ben il 28% è rappresentato da aziende europee.

Dai risultati è emerso che i servizi di cloud computing a cui si ricorre maggiormente sono il web hosting (61%) e file storage (59%). A seguire il 44% è rappresentato da servizi di posta elettronica e applicazioni desktop.

Tra gli obiettivi che spingono le aziende a rivolgersi al cloud computing vi sono in prima linea un aumento della disponibilità di risorse (55%) e in secondo luogo l’interesse a controllare i costi (53%).

Problematiche e priorità del cloud computing

Per quanto concerne l’affidabilità dei servizi, il 67% degli intervistati ha dichiarato di essersi scontrato con alcuni problemi iniziali che hanno influito sul normale svolgimento del lavoro. Tra le principali problematiche si registrano la mancanza di disponibilità di un servizio oppure tempi più lunghi del previsto per la sua integrazione. In buona misura è anche vero però che tali ritardi o lacune sono dovuti a problemi tecnici interni (è solo il 29% ad attribuire la colpa al fornitore del servizio). Nel 55% dei casi i problemi sono stati comunque di lieve entità, i problemi seri hanno investito solo il 9% degli intervistati.

Per l’87% delle aziende che hanno partecipato all’indagine le priorità sono chiare e indirizzabile alla sfera della sicurezza e privacy. A seguire i temi caldi che interessano le aziende sono la perdita di dati, il rischio finanziario e le spese impreviste. Quando si sceglie di passare alla virtualizzazione dei servizi vi è associato un obiettivo di ritorno sugli investimenti. Anche in questo caso il 17% degli intervistati teme di non raggiungere l’obiettivo prefissato.

Sembra ormai assodato che, al di là di alcune perplessità, i servizi di cloud computing rappresentino la strada da perseguire per garantire l’ottimizzazione delle risorse. I benefici e le modalità di integrazione sono ormai temi ben conosciuti dalle aziende. La fase di sperimentazione viene quindi sempre più ridotta a favore di una maggiore predisposizione a studiare preventivamente l’offerta del fornitore. Non si tratta più solo di conto economico ma di volontà di rispondere in maniera quanto più rapida possibile alle esigenze di un mercato che muta rapidamente.кредит на развитие малого бизнеса самаразаявление на получение кредита в банке образецaltezza climbing limited отзывывосхождение на килиманджаро национальные парки и сафарисафари танзани¤ на двоихденьги в долг астрахань и астраханская областьMumbai escortsкупить алюминиевые кастрюли с утолщенным дномкак разработать приложение для iosразмер алиментов украина 2015сделать пиар компаниисип панели продажавирус герпеса простогоканадские каркасные дома отзывыnew updates in seoпутевки в болгарию ценасправка в бассейн 200 рублейкомплексная реклама в интернете